ho letto le condizioni della privacy e autorizzo al trattamento dei miei dati personali.


Scrivici!

I problemi della terza età e i rimedi per contrastarli

Gli anziani non sono più quelli di una volta. Il mondo è cambiato e con esso la condizione di anzianità. Non si riescono proprio più a percepire i sessantenni di oggi come anziani: molti di loro sono ancora in gamba e pieni di energie, ben lontani dalle figure stanche e fragili delle generazioni passate.

Secondo i geriatri un 65enne di oggi ha la forma fisica e cognitiva di un 45enne di 30 anni fa. Oggi la terza età comincia a 75 anni anche perché negli ultimi decenni l’aspettativa di vita è cresciuta progressivamente. Attualmente le statistiche individuano in 85 anni la longevità per le donne e 82-83 anni per gli uomini, un incremento di ben 30 anni rispetto agli inizi del 1900.

Questo è senz’altro un bene e il merito va all’aumento del benessere, ai progressi della medicina, al tipo di alimentazione e anche alla maggior consapevolezza dell’importanza della prevenzione.

I problemi della terza età

In questo scenario di generale benessere dove si tende idealmente a spostare l’ingresso alla terza età fino alla soglia degli ottant’anni, come si sente l’anziano che invece non riesce ad essere nel pieno della sua forma, sereno o autosufficiente?

Per alcune persone, ad esempio, il pensionamento può portare a sentimenti che vanno dalla lieve tristezza fino alla depressione. Di colpo perdono la loro identità e il ruolo sociale che si erano conquistati. L’aspetto più spiacevole è il senso di smarrimento e la perdita della propria collocazione nel mondo.

Uno dei maggiori problemi della terza età è la solitudine che un tempo rappresentava un evento limitato, mentre oggi è un’esperienza sempre più diffusa.

Dovendo fare i conti con la disgregazione delle reti parentali, gli anziani diventano sempre più soli via via che l’età avanza, soprattutto se hanno problemi di salute o di mobilità. Se mancano gli strumenti per affrontare questa condizione, può rivelarsi davvero frustrante e debilitante.

Il principale inconveniente legato alla terza età è la mancanza di autosufficienza che costringe l’anziano a vivere una quotidianità difficile e faticosa. Non si tratta solo di persone con gravi malattie, ma anche di soggetti con problemi di mobilità legati all’avanzare dell’età che hanno difficoltà a deambulare in modo sicuro nella propria abitazione. Quali sono le soluzioni pratiche per affrontare al meglio i problemi della terza età e vivere l’anzianità nel modo più sereno possibile?

Come affrontare i problemi della terza età

Per prevenire i problemi della terza età è sufficiente mantenersi attivi fisicamente e mentalmente, adottando uno stile di vita sano. Una nutrizione ottimale e un regolare esercizio fisico sono la chiave per vivere a lungo e aumentare il numero di anni vissuti in completa salute.

È ormai provato scientificamente che l’attività fisica è uno strumento fondamentale nella prevenzione dei problemi di mobilità nella terza età. Ciò non toglie che chi ha difficoltà a muoversi debba poter beneficiare della dovuta assistenza per svolgere le piccole incombenze quotidiane come cucinare o pulire la casa oppure di supporti alla mobilità che lo aiutino a rendersi più autonomo sia fuori che dentro casa.

Si pensi, ad esempio, alle maniglie di sostegno da collocare vicino al WC, ai seggiolini per la doccia o per la vasca, alle vasche da bagno dotate di sportelli, ai deambulatori e ai montascale.

Oggi è possibile predisporre l’intera casa per permettere alla persona anziana con ridotta mobilità di conservare la totale autonomia per gran parte della giornata.

Per quanto riguarda invece i problemi della terza età di natura psicologica, la soluzione è mantenersi attivi in ambiti sociali, culturali, civici e spirituali e curare le reti di relazioni costruite in una vita intera. Ci si può dedicare al volontariato, partecipare alla vita politica o frequentare corsi di ogni tipo: ballo, uncinetto, lingue, musica, ecc. Senza dimenticare la possibilità di rendersi utili in famiglia, ad esempio badando ai nipotini. Un altro ruolo importante degli anziani è quello di supporto fondamentale per l’educazione dei bambini dovuto al bagaglio di conoscenze e di esperienze accumulate.

Ausili e soluzioni Tecnosan per la terza età

Con l’avanzare dell’età l’organismo va incontro ad un declino funzionale tale da rendere difficile eseguire alcuni movimenti e attività quotidiane. Per far fronte alle necessità che tale condizione comporta in commercio esistono numerosi ausili per anziani in grado di semplificare considerevolmente la vita di queste persone e delle loro famiglie, che diversamente devono farsi carico di tali problemi.

Aumentare l’autonomia e il livello di comfort di anziani e disabili con difficoltà motorie è la mission di Tecnosan, azienda attiva dal 1990 nella produzione e distribuzione di prodotti destinati a provvedere ai bisogni della terza età.

A differenza di altre aziende, ha un approccio molto personalizzato e offre visite a domicilio, per dare modo al cliente di toccare con mano i prodotti.

Tra i prodotti di punta di Tecnosan si annoverano il servoscala fisso e i montascale a cingoli o a ruote. Questi ausili permettono di superare le barriere architettoniche presenti all’interno e all’esterno degli edifici. Un altro pilastro dell’offerta Tecnosan è rappresentato dall’ampia offerta di poltrone elevabili elettriche, costruite con materiali di qualità e con un design versatile. Chi non può usare gli arti inferiori può scegliere tra una vasta gamma di scooter e carrozzine elettriche o manuali. Completano l’offerta ausili di ogni genere, dai sollevatori per la vasca agli ausili per la camera, passando per i materassi ortopedici.

Nessun commento

Pubblica un commento

× How can I help you?